Studio legale Celi-Home-Benvenuti

Studio legale Celi-Home-Benvenuti

"Il diritto europeo ha oggi assunto un ruolo preminente ed essenziale, da esso non può ormai prescindersi"
 
Settori di attività e tutela dei diritti fondamentali
   
In primo piano
Corte di giustizia dell'Unione europea
cause riuninte C-273/20 C- 355/20

 

Per la Corte il rifiuto di rilascio d’un visto nazionale richiesto ai fini dell’ottenimento del ricongiungimento familiare al genitore d’un minore rifugiato non accompagnato, divenuto maggiorenne durante la procedura di riconoscimento, è contrario al diritto dell’Unione.

1 agosto 2022

Public antitrust enforcement della concorrenza e private enforcement
Decisione della commissione europea sulle intese anticoncorrenziali vietate dall'art. 101 TFUE, accertate nell'ambito del mercato comune europeo delle conserve vegetali.
Aiuti di Stato
Art. 107 TFUE- La Commissione approva la carta degli aiuti a finalità regionale 2022-2027
La Commissione europea ha adottato la comunicazione 2021/C 153/01 con cui indica gli orientamenti e le condizioni affinchè possano essere considerati compatibili con il mercato interno gli aiuti di Stato erogati nei confronti  di Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, regioni italiane più svantaggiate nelle quali vive il 41,99 % della popolazione italiana.
Leggi altro
Cooperazione giudiziaria in materia civile
Art. 7 del regolamento (UE) 1215/2012 (c.d. Bruxelles I-bis), concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale
La Corte di giustizia dell'Unione europea nel caso Wikingerhof vs Booking.com afferma che l’art. 7 del regolamento Bruxelles I-bis che disciplina i c.d. fori speciali nell’ambito della competenza giurisdizionale, deve essere interpretato nel senso che esso si applica a un’azione diretta a inibire determinate pratiche messe in atto nell’ambito del rapporto contrattuale che vincola l’attore al convenuto e fondata su un’allegazione di abuso di posizione dominante commesso da quest’ultimo, in violazione del diritto della concorrenza
Leggi altro
Trasporto aereo
Regolamento (CE) 261/2004 e convenzione di Montreal del 1999
La Corte di giustizia dell'Unione europea nel caso Nelson e a. vs Lufthansa afferma che i passeggeri di voli ritardati hanno diritto ad una compensazione pecuniaria in forza del  regolamento (CE) 261/2004 quando, a causa di siffatti voli subiscono una perdita di tempo pari o superiore a tre ore, vale a dire quando giungono alla loro destinazione finale tre ore o più dopo l'orario di arrivo originariamente previsto dal vettore aereo
Leggi altro
Spazio di libertà sicurezza e giustizia
Corte di giustizia dell'Unione eurpea 
Cause riunite C-360/20 e C-369/20

Il codice delle frontiere Schengen consente ad uno Stato membro, in caso di minaccia grave per il suo ordine pubblico o la sua sicurezza interna, di ripristinare temporaneamente un controllo di frontiera alle sue frontiere con altri Stati membri. Tuttavia una siffatta misura, non può superare una durata massima di sei mesi
.
Ultime notizie dal Consiglio europeo e dal Consiglio dell'Unione europea
Riunione straordinaria del 3 marzo 2022 del comitato dei rappresentanti permanenti (COREPER) del Consiglio europeo e decisione di esecuzione del Consiglio dell'Unione europea n.2022/382 che accerta l'esistenza di un afflusso massiccio di sfollati dall'Ucraina ai sensi dell'art. 5 della direttiva 2001/55/CE e che ha come effetto l'introduzione di una protezione temporanea
Leggi altro
Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali
"Un impegno profondo e costante assunto da 47 Stati membri del Consiglio d'Europa, in rappresentanza di 800 milioni di cittadini, volto a garantire a tutti gli individui soggetti alla loro giurisdizione i diritti e le libertà definiti nella Convenzione stessa"
Leggi altro
Ultime novità normative
Convenzione europea dei diritti dell'uomo
Il protocollo 15 alla Convenzione


L' 1 agosto 2021 é entrato in vigore il protocollo 15 alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo che riduce da sei a quattro mesi il termine per proporre ricorso alla Corte
Leggi altro
In primo piano
Corte europea dei diritti dell'uomo
Caso M.A. c. Danimarca, ( R. 6697/18) 09.07.2021
Il tempo di attesa obbligatorio imposto dalla legge danese in materia di ricongiungimento familiare è contrario all'art. 8 della convenzione.


 
Leggi altro
In evidenza
McCallum c. Italia (R. n. 20863/21)
La Corte europea dei diritti dell'uomo nel ricorso McCallum c. Italia, introdotto in virtù dell'art. 39 del regolamento della Corte, opera il rinvio alla Grande camera. Il ricorrente si duole che l'estradizione concessa dall'Italia verso gli Stati Uniti d'America violi l'art.3 della convenzione, esponendolo a trattamenti inumani e degradanti.
Leggi altro
Attualità dalla Corte europea dei diritti dell'uomo
Landi c. Italia
(Ricorso 10929/2019)
A seguito del ricorso di A. Landi, cittadina italiana, la quale aveva denunciato a più riprese il suo convivente N.P., affetto da patologie mentali, per avere subito ripetuti atti di violenza che sfociavano nell'uccisione del loro figlio, la Corte constata che le autorità italiane sono venute meno ai loro doveri di eseguire una valutazione immediata e proattiva del rischio di recidiva delle violenze commesse nei confronti della ricorrente e dei suoi figli. In particolare la Corte ritiene che i procuratori della Repubblica sono rimasti passivi di fronte al rischio serio di maltrattamenti nei confronti della ricorrente, e attraverso la loro inerzia hanno persmesso a N.P. di continuare a minacciarla, molestarla e aggredirla senza ostacoli, nella totale impunità, così venendo meno all'obbligazione positiva derivante dall'art. 2 CEDU di proteggere la vita della ricorrente e del figlio.
21 aprile 2022.